Lamento
racconto di Paola Fabiani



LAMENTO D' AMORE DELLA SIGNORA DI BERGERAC CHE INCONTRO' UN BELLISSIMO GUASCONE, E CADDE IN AMORE, MA LUI GUARDO' LEI, POI SE STESSO,E POI LA SUA OMBRA, VOLTO' IL CAVALLO NELLA NOTTE DI LUNA, E DI LUI, NON SI SEPPE PIU'
NULLA.

CANZONE A RIME SCIOLTE

NON HA PIU' VOGLIA DI NIENTE, DA QUANDO LUI E' ANDATO, E POI E' STATO TUTTO SBAGLIATO, FIN DALL' INIZIO NESSUNO HA CAPITO CHE OGNUNO CERCAVA QUALCOSA CHE MAI AVEVA DATO MA MEGLIO CHE MUOVERE UN DITO, VEDERE QUALCUNO MORIRE, PER NIENTE, PERCHE' NON POTEVA VENIRE, E SPARSE LE NUVOLE IN CIELO DICEVANO " ARRIVA" MA L' OMBRA CHE ERA SUL PRATO ERA SOLO DI SPETTRO, FURTIVA, E LUI MAI ARRIVO', PERCHE' SI SCONTRO' CON AMORE DI DONNA FATALE, DA AMARE COMUNQUE NEL BENE E NEL MALE, E SE MAI CI FU STATO QUALCOSA, RIMASE DISTRUTTO, UN TEMPIO IN ROVINA CHE PRIMA ERA TUTTO PERCHE' CI CREDEVA PERO' NON VEDEVA LO SPECCHIO, E ANDANDO UN PO' INDIETRO NEL TEMPO S'ACCORSE CHE NON DIVENTAVA MAI VECCHIO, MA LEI AVEVA INTESO CHE QUELLO CHE AMBIVA POI MAI AVREBBE PRESO, E ALLORA DECIDE IN SILENZIO LA MORTE, E L' ALTRO, LUI RIDE PERCHE' NON SI ACCORSE CHE AMORE FU TANTO PIU' GRANDE DI TUTTE LE FAVOLE SCORSE, GUARDAVA I SUOI DENTI DI CANE, E INTANTO SOGNAVA, MA IL VERSO DEL GIUSTO PENSIERO, NON ERA PIU' VERO, LEI PIANSE D' AMORE INFINITO E ACCENDE IL SUO CERO E GUARDA LA FIAMMA CHE ORMAI GIA' S' ANNERA, DA SOLA, IMPAURITA,
LEI TEME LA SERA, PERCHE' E' SEMPRE SOLA, UN CANE LA FISSA CON OCCHI D' AMORE,
MA LEI LO VORREBBE DIVERSO, MAGARI MIGLIORE, PERO' E' SEMPRE SOLA, PERCHE'
LEI DESIDERA SOLO QUELLA PAROLA, MA MAI NON VERRA', E SAREBBE IL SUO GIORNO PIU' BELLO, SE MAI UNO C'E' STATO, ED ERA SOTTO UN OMBRELLO DI ALBERO IN FIORE, L' UNICA VOLTA CHE UN PRINCIPE DISSE SEI L' UNICO AMORE, MA NON
VENNE PIU', E LEI RESTA FERMA ASPETTANDO, QUEL GIORNO, ANCORA, PER UNA
PREGHIERA MANDATA LASSU', MA CHE NON S' AVVERA, MA ANCHE SE FOSSE, SAREBBE INSINCERA, PER QUESTO LEI PIANGE LA NOTTE, E CHIUDE GLI SCURI,
VORREBBE DA SOLA PRENDERSI A BOTTE, MA CHIUSI GLI SCURI ARRIVA LA SPADA,
CHE INFLIGGE LA CARNE, PERCHE' NON C'E' STRADA, D' AMORE INFINITO IMPAURITA,
MA SA CHE NON PUO' ESSERCI VITA, PERCHE' SENZA AMORE SI MUORE, E FORSE IN UN POSTO C'E' UN UOMO MIGLIORE, MA LEI NON SORRIDE, E' SCURA DI PELLE MA TRISTE,
QUELL' UOMO CHE AMA ORMAI NON ESISTE, PERO' LEI SI SPERDE E ALLORA LO CHIAMA, MA NIENTE RIESCE A FINIRE, SE NON LA SUA VITA, LUI PENSA ABBIA AVUTO
BUGIA, E LEI RIPETE' NON E' COSA MIA, E SI VIDE FINITA, SE MAI FOSSE STATA, E'
PER TROPPO AMORE CHE LEI SI E' AMMAZZATA, MA L' ANIMA VIVE, SEBBENE MALATA,
PER QUESTO LEI SCRIVE, ED ALTRO NON PUO' MAI PIU' FARE, LA VOGLIA DI AMARE,
COSE PASSATE, NESSUNA SPERANZA IN LUNGHE NOTTATE, NELL' UNICA STANZA CHE
VIDE PRESENTE UNA VOLTA, COLUI CHE ALLA VITA L' HA TOLTA, PERCHE' DI NON NOBILI GRAZIE DI FUORI, E LEI CONTA I FIORI, CHE SONO DI MILLE COLORI, MA PENSA AGLI AMORI, LE COSE CHE MAI POTRA' AVERE, PERCHE' MALEDETTA E SENZA CORONA
D' ALLORI, REGINA LEI FU, MA IL PRINCIPE TROPPO BASTONA , E LEI PIU' NON VEDE LE LUCI E I SAPORI D'ESTATE, PERCHE' NON ESISTE, SE MAI UN ALTRO INVERNO NEL CUORE, BAGNATO DA GOCCE SALATE, PERCHE' QUEL CHE PIANGE DI DENTRO
RIMANE IN ETERNO, E LACRIME SEMPRE RIMANGONO, SEBBENE DI MOSTRO
IMPAURITO, TALVOLTA ANCHE I MOSTRI RIMPIANGONO, E AMANO, MA MAI
SI E' SENTITO, DI PRINCIPE SCESO A CAVALLO, LA STREGA, L' INFAME E I SOLDATI,
DI MOSTRO MUTATO IN CORALLO, LA STORIA DEL MONDO LO DICE, E NULLA E'
CAMBIATO, DA SECOLI FERMI IL SASSO NON PUO' DIVENTARE CRISTALLO DI LUCE
E NULLA POTRA' MAI CAMBIARE, IL VERO DEL FATTO CONDUCE A PENSARE CHE MAI
SARA' VITA, PERCHE' NON VISSUTA, E QUANTO CHE BASTA PER DIRE E' FINITA,
GLI SCUDI D' ARGENTO NON COMPRANO AMORE, NE' ALTRO, LEI SOLA ASCOLTA IL
FRUSCIARE DEL VENTO, TRA FOGLIE DI MILLE COLORI, MA A LEI TUTTE NERE, E QUESTO PER TUTTE LE SERE D' INFERNO INFINITO, SCONTENTO, AMARO DI LACRIME
ZITTE, LUI CON L' AMORE E LEI COL SILENZIO, MORTALE, PERCHE' NON PUO' SCRIVERE
MA SOLO CANTARE, E FORSE ANCHE MALE, MA E' CANTO D' AMORE INFINITO, NON
E' D' USIGNOLO MA FORTE DI DENTRO, E SORDO DA FUORI, E LUI MAI L' HA UDITO,
DISTOLTO DA BELLA REGINA DAGLI OCCHI DI MARE, SE MAI SI PUO' AMARE SI TANTA
BELLEZZA DEL MONDO CHE VEDI, MA NON L' AMAREZZA DI CHI HA CANTO NEL CUORE CON TANTA TRISTEZZA, MA LEI NON LO CANTA, NON ESCE LA VOCE, VORREBBE CHE LUI L' ASCOLTASSE, MA CROCE NON FU MAI PESANTE PER QUANTO PESASSE, RIMANE
DA SOLA E SPACCA LO SPECCHIO, NON SENTE NEMMENO LA FAME, IL VENTO NEL
CUORE E' IN TEMPESTA, RUMORE DI MARE, DI NEVE CHE SCENDE, E TUTTI LO DICONO, E' ESTATE, MA NON LAGGIU' DENTRO, IN FONDO ALL' INVERNO IN CUI L' HA LASCIATA,
GIRO' IL SUO DESTRIERO E ANDO' VERSO CIME PIU' AMBITE, PROMESSE MANCATE
CHE MAI SANEREBBERO UN CUORE MALATO, DONATE CON PENA, LEGATO DA UN MOSTRO DIVERSO, CHE ANCORA LO TIENE, DISTANTE, SPARITO, E IL CUORE DI LEI E'
RAGGELATO DA ROSTRO DI AQUILA NERA, E TORNA LA SERA CHE MAI NON DA PACE
AI CUORI IN TORMENTO, STRAZIATI DA UNGHIE RAPACI, CHE LASCIANO UN SOLO MOMENTO IL SUO CUORE E VANNO, COL VENTO, A CHIUDERE GLI OCCHI DI LUI,
PERCHE' NON SI VEDA, DA FONDO DI ANFRATTO DI MARE, L' AMORE PULITO
SPORCATO DAL NIENTE DEL MONDO, E STORIA NON CAMBIA, LUI CADE E
CI CREDE, PERCHE' VUOL SOLTANTO QUELLO CHE VEDE, E DI LEI NULLA RESTA,
E DI TANTA TEMPESTA D' AMORE, SOLTANTO UNA BREZZA LEGGERA, LASCIATA , LA SERA, DA FUMO DI LEGNA, CHE NON MUOVE LE FOGLIE , MA ARRESTA L' AMATA
CANZONE CANTATA CON VOCE DI NULLA, CHE A CUOR NON ARRIVA, PIOGGIA
LEGGERA CHE CADE DAL CIELO E NON BAGNA, MA LEI TOCCA IL MURO E IL PUGNALE
PERCHE' VUOLE IL SUO BENE, MA ANCHE IL SUO MALE, E SENTE LE GOCCE SALATE
CADERE SUL VISO, MA E' UN ALTRO SORRISO, QUELLO CHE APPARE, DI ANGELO
IN CIELO VEDUTO, MA SUBITO DOPO, PERDUTO, IL TOTALE SILENZIO DI SPIRITO
UCCISO, PENSANDO A QUEL VISO CHE MAI PUO' VEDERE, CHIUSA IN CAVERNA
DI NERI SENTIERI, E L' UNICA MUSICA CHE ESCE, E' QUELLA CHE VUOLE I PENSIERI
DI LEI USCIRE ALL' ESTATE, MA DRAGO INFUOCATO E MAGO MALVAGIO, L' HANNO
LEGATA, E PERCIO' CONDANNATO IL SUO CUORE A RESTARE NELL' OMBRA CHE
PRESTO SI SCURA , NON HA PIU' PAURA, PERCHE' L' ANGELO D' ORO UNA FRECCIA
LUI SCOCCA, MA LEI HA SOLO AMORE, E AL FIN DI LICENZA, PERDONA, E NON TOCCA.


rtoefa@tin.it

PAOLA

 

   


Cynegi Network

Banner delLa BORSA DEL BANNER


Cynegi Network


Cynegi Network