Stefania D.

LASCIATECI DIVERSI

 

Vorrei provare a scrivere due versi
perchè penso che pur dallo stesso gemito
nasciamo già diversi,
e continuiamo ad allontanarci in seguito.


Inizialmente ci metton addosso due colori
azzurro e rosa come dettano gli schemi
sembra che i nostri genitori
non si rendan conto di quanto siano scemi.


Parlano con l'amico del loro primo nato
"Sai " dicono "Ho vissuto mesi di speranza"
vivono quell'evento pregando il fato
come al gratta e vinci, poi chiaman l'ambulanza.


Prima esce la testa
e iniziano a far festa
ma quando anche il corpo è fuori
una sorpresa coglie questi poveri signori.


Diversa da quello che avevano sognato, la creatura
è nata femmina, ci metteremo un fiocco
sapete cari lì non c'è bravura
è raro che venga fuori un marmocchio.


E' una questione di combinazioni
le X con le Y si uniscono in un abbraccio
come al totocalcio dà palpitazioni
una doppia parità non è poi così malaccio.


Parenti cari, se non siete soddisfatti come dire
ci potreste fare almeno un gran piacere
avremmo solo un semplice volere
in questo siamo uguali, lasciateci dormire.

 

 

Fai crescere questo sito con un voto.

 

ALTRE POESIE DI STEFANIA D.

 

 

 

HOME PAGE

 

 


Cynegi Network

Cynegi Network

 


Cynegi Network