Pensando al dindondio
racconto di Paola Fabiani



Se hai un pensiero, e' in questa canzone. Ricordi ? Ora dimmi … che male faccio se dentro 
l' anima ho un amore tutto mio ? L' ho chiuso gelosamente in uno spazio del mio cuore ed ho gettato via la chiave. Ma non e' il tipo di amore che pensi tu. E' piu' alto, molto molto piu' alto. Vola lassu', nell' infinita e stupefacente volta del cielo, accudito da celesti angeli sorridenti. Se non lo vedi, vuol dire che non hai mai amato. Pero' c'e' stato un attimo in cui mi hai voluto bene, l' ho sentito. Non c'e' peccato, ma lo sai. 
"dove stanno fiori, sto steso anch' io, qui da oggi ai maggi luminosi…." Cosi' dice la canzone….Perche' era ancora freddo, ricordi, ed io aspettavo il maggio luminoso per sdraiarmi tra i fiori assieme a te, tra il profumo dell' erba nuova a guardare le nuvole e tutte le meraviglie che Dio ha creato per noi. Cosa puoi aver visto di male in tutto questo ? No, non 
c' era niente di male o di sbagliato. Maggio e' trascorso, ormai, e ancora un altro ne e' passato. Ma in quell' angolino del mio cuore c'e' e sempre ci sara' un dindondio : voci di bambini in 
festa ed un dolore mio. Il maggio luminoso e' passato, non si puo' piu' sdraiarsi sui fiori ed odorare gli aromi soavi sparsi nel vento leggero e profumato, quel vento che carezza la pelle come un velo segoso, ed un tappeto di erba timida e nuova. Ma sarebbe ugualmente bello sedersi vicino ad un caminetto acceso, con il rumore della pioggia sui tetti e fuori, l' ululare del vento tra le fronde. Perche' dindondio e' da tutte le parti, se si vuole bene a qualcuno. Ma tu vuoi bene solo a te stesso.
Un ultimo bacio. Dindondio . 



rtoefa@tin.it

PAOLA

 

   


Cynegi Network

Banner delLa BORSA DEL BANNER


Cynegi Network


Cynegi Network