IPPOCRATE
(Kos, 460 a.C. - Larissa, 377 a.C. circa)

Ippocrate, "eroe fondatore" della medicina scientifica, è il medico per antonomasia. I suoi aforismi sono l'opera medica che ha goduto di maggior fortuna e che ha avuto più edizioni e commenti.


 

Aforismi

 

 

11- Quando vi è un dolore al fegato, il sopraggiungere della febbre risolve il dolore.

12- I calvi non sono soggetti a grosse varici. I calvi in cui si formano varici diventano di nuovo capelluti.

13- La grossezza del corpo in gioventù è nobile e non spiacevole; in vecchiaia è non conveniente e meno desiderabile della piccolezza.

14- Cibo e bevanda, un po' inferiori in qualità, ma più gustosi, sono da preferire a quelli di mogliore qualità, ma meno gustosi.

15- I vecchi di solito hanno meno malattie dei giovani, ma le malattie croniche che li colpiscono li portano generalmente a morte.

16- In ogni malattia è buon segno avere sano l'intelletto e prendere volentieri gli alimenti che sono offerti; il contrario è cattivo segno.

17- Il bere vino puro calma la fame.

18- Quando il sonno pone fine al delirio è buon segno.

19- Per le malattie estreme i trattamenti estremi sono i più efficaci.

20- Ai corpi che hanno umide le carni si conviene il digiuno: il digiuno infatti essicca i corpi.


 

 

 


Cynegi Network


Cynegi Network

Iscriviti a BannerGratis - Lo scambio banner di Mr.Webmaster


Cynegi Network